Moussaka di melanzane, il castello degli Aymerich di Laconi e la leggenda del fantasma

il

DSC_0445

DSC_0446

 

Come promesso continuo il racconto della mia visita al parco di Laconi e in questa seconda parte vi parlo dei ruderi del castello e della leggenda del fantasma che si aggira ancora oggi tra le sue mura, creando nel visitatore al tempo stesso curiosità e mistero.

DSC_0440

I resti del castello degli Aymerich, che prende appunto il nome dagli ultimi proprietari, sorge all’interno del parco urbano di Laconi su un tacco calcareo di circa 550 metri di altezza.

DSC_0456

La parte più antica risale all’XI secolo ed ha avuto nei secoli diversi proprietari, tra cui: i giudici di Arborea, i De Sena, i Castelvì e gli Aymerich, che vissero nel castello sino alla prima metà dell’Ottocento e sono stati i possessori sino a quando il castello è passato di proprietà al comune di Laconi.

DSC_0449

Per ogni castello che si rispetti non può mancare la leggenda che tra le rovine del castello si aggiri un fantasma.

DSC_0442

I protagonisti di questa storia misteriosa sarebbero un padre, una figlia e un giovane promesso sposo che il padre scelse per lei.
La ragazza si ribellò a questa imposizione e il padre offuscato dalla rabbia e dall’umiliazione la fece murare viva nel castello.

DSC_0455

Il fantasma si dice che si aggiri ancora tra le mura assettata di vendetta.

Una storia che mette i brividi e tanta curiosità sulla sua veredicità.

DSC_0571

Moussaka di melanzane

Ingredienti

1 kg di melanzane

500 gr di granulare di soia

500 ml di salsa di pomodoro

50 ml di bevanda di soia

50 gr di burro di soia

2 cucchiai di pangrattato

1 cipolla

1 spicchio d’aglio

2 foglie di alloro

un pizzico di cannella in polvere

10 gr di farina

olio extravergine d’oliva qb

sale qb

 

Preparazione

Sbucciate le melanzane, tagliatele a fette sottili. Salatele e fatele riposare in uno scolapasta per un’ora.
Tritate la cipolla e l’aglio e rosolateli con 3 cucchiai d’olio. Aggiungete l’alloro e il granulare di soia precedentemente ammollato e strizzato per bene.

Dopo 5 minuti versate la salsa di pomodoro e un pizzico di cannella. Proseguite la cottura per circa un’ora e salate alla fine.

Sciacquate le melanzane e asciugatele con cura, infarinate e friggete in olio caldo.
In una casseruola sciogliete il burro e fate tostare la farina. Versate poco alla volta la bevanda alla soia fino ad ottenere una besciamella. Aggiustate di sale.

In una pirofila alternate le fette di melanzana con strati di besciamella e ragù di soia.
Nell’ultimo strato cospargete con il pangrattato.
Infornate a 180° per 40 minuti e servite caldo o tiepido.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...